carmine

Capo dipartimento - Prof. Carmine D'Urso

Carmine D’Urso, è laureato in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza”. Consegue poi Master in Comunicazione dell’Accademia Nazionale di Medicina e specializzazioni tra cui, la più recente, in Social Media Marketing. Ottiene, nel 1994 il tesserino da giornalista entrando a far parte dell’Ordine. Svolge l’attività di Capo Ufficio Stampa per importanti Enti e Organi governativi come la Camera dei Deputati, la Presidenza della Provincia di Roma e il Comune di Roma. Collabora con importanti testate giornalistiche cartacee e televisive, come Il giornale d’Italia, Il Tempo, Il Corriere dello Sport, Sky. È Conduttore e Direttore Responsabile di Media Event, informazione365.net ed esserewebradio.it, è inoltre docente presso numerosi istituti superiori e professore di Scrittura giornalistica per il corso di laurea Triennale in Mediazione linguistica in Editoria e marketing presso l’Istituto Armando Curcio. Per l’Istituto Armando Curcio, marchio University Press, ha pubblicato nel 2022 il saggio Sociologia del giornalismo e, nel 2023, il saggio L’isola che (non) c’è - Next generation.

Corsi e Master

giornalismo culturale

Scrivi sulla rivista Gutenberg Magazine

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur adipiscing elit dolor

Scopri il programma completo

L’Executive Master Giornalismo e Comunicazione Culturale indirizza all’acquisizione delle tecniche di scrittura giornalistica applicata al mondo della cultura e dell’editoria, con la declinazione nelle logiche del Web, hanno subìto profonde trasformazioni.
Clicca qui
giornalismo e comunicazione multimediale

Scrivi sulla rivista Gutenberg Magazine

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur adipiscing elit dolor

Scopri il programma completo

In base alle competenze maturate durante il master si potrà trovare impiego in tutti i settori del giornalismo cartaceo con particolare attenzione ai giornalismo multimediale online. Ovviamente nelle agenzie di stampa; in tutti gli uffici di pubbliche relazioni di imprese pubbliche e private; negli enti che hanno tra le loro finalità la tutela, la gestione, la valorizzazione e la fruizione del patrimonio letterario, storico e artistico; nelle case editrici tradizionali e nelle nuove realtà editoriali emergenti.
Clicca qui
Istituto Armando Curcio