Ann Goldstein: la voce americana di Elena Ferrante

A lungo redattrice di una tra le più prestigiose riviste letterarie al mondo, il New Yorker, Ann Goldstein è la traduttrice americana della fortunata tetralogia di Elena Ferrante.

Biografia

Nasce nel 1949 a Maplewood, nello stato del New Jersey. Più volte nel corso della sua carriera professionale, iniziata quasi per caso, la Goldstein ha tenuto a sottolineare l’importanza del “looking at things very closely”, per citare le sue stesse parole, la capacità di guardare alle cose molto da vicino. Paradossalmente, però, Ann Goldstein ha più volte scelto di cimentarsi nella traduzione di imponenti progetti: dalle opere di Primo Levi, allo Zibaldone di Giacomo Leopardi, per approdare infine alla tetralogia di Elena Ferrante. Viene spontaneo chiedersi come sia possibile mantenere il rapporto tra l’estremamente piccolo e l’estremamente grande. La risposta, secondo lei, va ricercata nell’attenzione che deve essere costantemente dedicata ad ogni singolo aspetto legato alla resa di un testo in lingua straniera: la parola, la frase, il paragrafo, la storia, il libro. Solo prestando la dovuta attenzione ad ognuno di questi elementi, magari anche in momenti diversi, si potrà arrivare a riprodurre la voce dello scrittore in una lingua diversa dall’originale.

L’amica geniale

I volumi che compongono la tetralogia, L’amica geniale, Storia del nuovo cognome, Storia di chi fugge e di chi resta e Storia della bambina perduta sono stati pubblicati in Italia tra il 2011 e il 2014 da e/o Edizioni ed hanno riscosso tutti un discreto successo. Ma è soprattutto negli Stati Uniti che, a partire dal 2014, i libri della Ferrante hanno incontrato il grande favore del pubblico, diventando un caso editoriale. Il successo va ricercato molto probabilmente nella forza del racconto che è riuscito a veicolare tanto brillantemente una storia ambientata nella povera periferia napoletana della seconda metà del Novecento nel luogo simbolo dell’innovazione e della modernità.

A rendere ancor più arduo il lavoro della Goldstein hanno sicuramente inciso le frasi lunghe, la presenza del dialetto mirabilmente trasposto nel rispetto della sintassi della lingua inglese, notoriamente molto meno flessibile di quella italiana.

Probabilmente, parte del successo dei libri della Ferrante e dell’interprete americana dei suoi lavori va ricercato nella capacità di dar vita ad una realtà che avvince il lettore che da questa non può, o non vuole, fuggire.

Il lettore si immedesima in questa realtà, si riconosce nella trama dei rapporti che, tuttavia, rimangono circoscritti al mondo del rione napoletano, ai personaggi del libro. Si riconosce nella lotta di questi personaggi che tentano di dare un senso alla propria esistenza. La sincerità e, per certi aspetti, perfino la brutalità dello sguardo della scrittrice, l’attenta analisi delle emozioni dei suoi personaggi riescono a catturare ed emozionare il lettore sin dalle prime pagine.

Letizia Sarteanesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivi questo articolo

Tabella dei Contenuti

Seguici su Facebook

Articoli più letti

Blog

I 5 font preferiti dai grafici

I 5 font preferiti dai grafici La scelta del font per un grafico rappresenta una vera e propria spada di Damocle per la realizzazione di ...
Leggi →
Blog

Il design dei campi profughi

Il design dei campi profughi Al giorno d’oggi i profughi ed i richiedenti asilo nel mondo sono ben 65 milioni, il MoMA pochi giorni fa ha ...
Leggi →
News

Copyright: approvata la riforma

Le nuove norme UE sul copyright, che includono salvaguardie alla libertà di espressione, consentiranno a creatori di contenuti, giornalisti ed editori di negoziare con i ...
Leggi →
Blog

La sfida della competizione solidale: Bartali e Coppi

In quest’intervista all’illustratore Andrea Oberosler scopriamo qualcosa di più su un titolo da poco uscito in libreria. Bartali e Coppi, di Marino D’Amore. Cosa hai ...
Leggi →
Blog

Pixel, l’iPhone di Google

Pixel, l’iPhone di Google Questa frase raccoglie la reazione generale dell’utenza all’annuncio di Google del suo Google Pixel, i richiami al design ed allo stile Apple ...
Leggi →
Blog

Bologna Children’s book fair: un mese dopo

Bologna Children’s book fair: un mese dopo Ad un mese dalla fiera vi raccontiamo come si è arrivati fin lì e cosa è successo in ...
Leggi →