Impaginazione editoriale

I 5 passi per la perfetta impaginazione grafica

Ogni libro che sfogliamo, ogni volantino che ci viene messo a forza fra le mani per le vie del centro, ogni enorme cartellone pubblicitario che ci distrae mentre siamo alla guida, è il risultato di un lavoro di impaginazione grafica.

I testi e le immagini che catturano la nostra attenzione non sono disposti in maniera casuale, ma modellati con attenzione dal grafico nella continua ricerca dell’armonia e della funzionalità al messaggio.

L’impaginazione grafica può avere due obiettivi fondamentali verso i suoi “spettatori”:

InformareÈ il caso tipico di giornali e brochure; qui gli aspetti fondamentali dell’impaginato sono la chiarezza, l’ordine e una generale armonia che renda la lettura scorrevole e i concetti ben assimilabili dal lettore;

EmozionareL’esempio per eccellenza è quello della pubblicità, che dà priorità all’impatto visivo, all’immediatezza e al coinvolgimento dello spettatore.

Nell’impaginazione grafica di un libro questi due stili si fondono, nell’esigenza di catturare l’attenzione del lettore puntando sulla sua sfera emozionale attraverso la copertina e fornendogli poi una storia chiara e ordinata nel suo interno.

 

Impaginazione grafica – I 5 passi fondamentali

Premesso che nell’impaginazione grafica una bona dose della riuscita di un lavoro è la creatività del professionista, ecco 5 punti fermi da seguire per non incorrere in orrori d’impaginazione.

  1. Avere le idee chiare
    Cosa volete comunicare, e a chi rivolgete il vostro messaggio? Una volta individuato l’obiettivo sarà facile decidere la vostra priorità: l’armonia o l’impatto, l’originalità o l’eleganza classica. Il formato cambia ovviamente anche in base alla tipologia dello stampato (se si tratta di un libro piuttosto che di una rivista, di un volantino, e così via).
  2. Individuare la giusta gabbia grafica
    La gabbia è la migliore alleata del grafico, non ne imbriglia l’estro ma lo aiuta a esprimersi in un modo che sia facilmente fruibile dal lettore: l’occhio umano segue tragitti ben definiti, dettati di nostri schemi mentali; è importante quindi non confondere il lettore, dotando l’impaginato di punti di riferimento.
  3. Dare la dovuta importanza ai vuoti
    L’equilibrio è la chiave di tutto, il bilanciamento degli spazi vuoti con i pieni, la loro disposizione nello spazio della gabbia, arricchisce l’impaginato: a volte meno è meglio di troppo.
  4. Curare le immagini
    Ricorda che le immagini prevalgono sempre sui testi, la loro scelta non deve essere lasciata al caso ma accurata e definita nei dettagli. Si può scegliere di utilizzare immagini al vivo, ritagliando l’oggetto e applicandolo direttamente sulla pagina per renderla più dinamica, o decidere di dotarle di una cornice, lo stacco sarà più evidente e l’enfasi sull’immagine maggiore.
  5. Dosare i colori
    Se non si è discendenti di Raffaello l’utilizzo di troppi colori nell’impaginazione può dar vita a un effetto Picasso completamente mal riuscito; anche in questo caso la misura è la chiave del successo. È consigliabile partire dalla scelta dei toni più che delle sfumature, e usare meno colori possibile mantenendoli nella stessa saturazione è quasi sempre una scelta vincente se non si è ancora dotati di un’alta sensibilità in materia.

Un ultimo consiglio bonus: ascoltate la vostra creatività. Sorprendete e sorprendetevi, seguendo questi pochi criteri di base per non esagerare, date libero sfogo alle vostre idee!

Impaginazione grafica – I nostri Corsi

Lo IAC offre corsi professionalizzanti nell’ambito della grafica editoriale, avvalendosi dell’esperienza di alcuni tra i migliori professionisti nazionali. Per qualsiasi informazione non esitare a contattarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivi questo articolo

Tabella dei Contenuti

Seguici su Facebook

Articoli più letti

Blog

Quando il Design incontra la Comunicazione

Quando il Design incontra la Comunicazione Cosa succede quando il Design incontra la Comunicazione?La sinergia tra approccio immaginativo/visuale e comunicativo/testuale è il fulcro dell’offerta formativa …

Leggi →
Blog

L’Helvetica e lo “stile svizzero”

L’Helvetica e lo “stile svizzero” Che ne siate consapevoli o no, tutti voi conoscete benissimo il carattere tipografico Helvetica. Tanti dei marchi più conosciuti utilizzano …

Leggi →
Blog

Burger King si traveste da McDonald’s

Burger King si traveste da McDonald’s La rivale della grande ‘M’ ha ideato una campagna marketing per Halloween geniale, travestendo un proprio ristorante per la notte …

Leggi →
Blog

Bodoni – La storia di un font sempre moderno

BODONI – La storia di un font sempre moderno Il carattere Bodoni prende il nome da Gianbattista Bodoni (1740-1813), uno dei personaggi più importanti della …

Leggi →
Blog

I 5 font preferiti dai grafici

I 5 font preferiti dai grafici La scelta del font per un grafico rappresenta una vera e propria spada di Damocle per la realizzazione di …

Leggi →
News

Intervista a Fabio Di Cocco

1) Come si è sviluppata e da quali esigenze è nata l’idea che ha dato vita a questo racconto? Questo racconto nasce dall’esigenza di continuare …

Leggi →