Leggendo si cresce: l’arte di leggere come esperienza di formazione e di crescita

Antoine aveva così consegnato alla storia uno dei libri più letti e tradotti della letteratura mondiale, Il piccolo principe. Un capolavoro senza tempo, un testo chiave di formazione, che spiega ai piccoli il mondo dei grandi, e ricorda a quest’ultimi di essere stati bambini, invitandoli a tornare ad affacciarsi al mondo con quegli occhi.

Tematiche come il senso della vita, il significato dell’amicizia e dell’amore, il valore delle relazioni, presentate in modo semplice e scorrevole con illustrazioni create dall’autore, sono diventate pietre miliari nell’educazione sentimentale di bambini e ragazzi di tutto il mondo.

Ma nell’era di Google e della frenesia, la lettura è ancora un’efficace strumento educativo?

Per rispondere a questo quesito dobbiamo prima capire cosa significa leggere.

Il verbo leggere deriva dal latino legĕre che significa «raccogliere, dire». Leggere significa dunque raccogliere cose prima ignorate, raccogliere pensieri, paure e sentimenti che magari sono affini o opposti ai propriè raccogliere l’intreccio di una storia usando la propria immaginazioneè fuga e rifugio, il conforto delle parole giuste che al momento giusto si annidano nell’animo.

La lettura da sempre è stata uno strumento di crescita, che apre la mente ed accresce la cultura dell’individuo, stimolandone creatività e fantasia. Bisogna però partire dal presupposto che leggere è un’arte antica, che richiede tempo ed esercizio: la lettura va allenata, allo stesso modo che per i muscoli del corpo. Come fare allora a trasmettere ai più piccoli il piacere di leggere? Innanzitutto sta a noi adulti l’onere di dare l’esempio, siamo noi che per primi dobbiamo posare lo smartphone e prendere in mano un libro, dobbiamo stimolare la loro curiosità, indirizzarla e guidarla alla lettura, anche con attività ludiche e gratificanti per loro, sfruttando la rete a nostro vantaggio. La scelta del libro poi è importante, infatti è noioso a chiunque leggere un libro noioso, presentato in modo noioso: contenuto e forma devono adattarsi ai bisogni e alle aspettative dei più piccoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivi questo articolo

Tabella dei Contenuti

Seguici su Facebook

Articoli più letti

Corsi

Comunicazione visiva nel packaging design Milano

CORSO COMUNICAZIONE VISIVA NEL PACKAGING DESIGN Sede di Milano Il corso di Comunicazione visiva nel packaging design mira a formare specialisti autonomi in grado di …

Leggi →
News

Ann Goldstein: la voce americana di Elena Ferrante

A lungo redattrice di una tra le più prestigiose riviste letterarie al mondo, il New Yorker, Ann Goldstein è la traduttrice americana della fortunata tetralogia …

Leggi →
Blog

Le 10 migliori copertine della campagna presidenziale USA

Le 10 migliori copertine della campagna presidenziale USA Questa campagna elettorale è stata una delle più dure in assolute con scandali e polemiche a non …

Leggi →
Blog

Quando i sogni diventano realtà

Quando i sogni diventano realtà Mi chiamo Federica Vommaro, ho 27 anni e vi voglio raccontare come ho coronato il mio sogno grazie al Master …

Leggi →
News

Intervista a Lucia Delle Fave, ex studentessa dell’Istituto Armando Curcio

Lucia Delle Fave, da dove nasce la tua passione per il mondo editoriale? Sin da piccola ho amato le lingue e la lettura. E’ dalla …

Leggi →
Blog

Le tendenze del 2017 per la Graphic Design

Le tendenze del 2017 per la Graphic Design Le tendenze per il design, per la grafica, sono influenzate da diversi fattori: media, tecnologia, moda o …

Leggi →