«Che poi Anita non è una vera eroina»

articolo anita

Anita Garibaldi. L’amazzone del Risorgimento
«Che poi Anita non è una vera eroina»

Ho avuto l’onore e il piacere di curare l’editing di questo progetto a dir poco innovativo e rivoluzionario e, spesso, nel dare qualche indizio sul primo volume della serie, mi sono sentita rispondere: «Che poi alla fine Anita non è nemmeno un’eroina vera e propria».

Mi è capitato così di riflettere sul significato di queste affermazioni e mi sono chiesta perché, anche solo per un secondo, mi sia trovata a dubitare se davvero Sorelle d’Italia non fosse una serie un po’ ambiziosa. Perché questa è la dinamica. La cultura patriarcale è in grado di insinuarsi silenziosamente, lasciando parlare gli altri, banalizzando e depotenziando, piantando un seme marcio, e senza farsi mai nominare.

Sorelle d’Italia, è vero, è un progetto ambizioso: perché solo la sinergia tra più menti ambiziose può porsi l’obiettivo di ribaltare la tradizionale chiave interpretativa storica, ricordando a chi legge che a scrivere la storia stessa non sono stati solo i vincitori, gli “eroi”, ma soprattutto gli uomini.

Questa serie vuole ribadire che le donne non sono mai state una minoranza, affatto, e che se ancora si fatica a comprendere che la storia è stata, ed è, compartecipata, fatta da persone, eroi ed eroine che tutti i giorni combattono per qualcosa nel proprio piccolo, anche per i diritti di qualcun altro, allora c’è bisogno di Anita più che mai (e dei volumi a seguire).

Grazie a Chiara Gianni, ho conosciuto un’Anita inedita nei suoi infiniti modi di sentirsi donna e responsabile di una libertà comune. Ho conosciuto un’Anita che senza alcun legame patriottico si è spinta comunque a morire oltreoceano per combattere una battaglia non sua, insegnando ai figli quanto conta fare sempre la propria parte, ancor più se in difesa di chi non ha il privilegio di nascere in un paese fortunato del mondo.

Giulia Cianfanelli, 15.05.2023

Una risposta

  1. Grazie Giulia! Mi ha fatto un po’ strano leggere che sia un progetto ambizioso… in realtà dovrebbe essere all’ordine del giorno e della didattica, porre nella giusta luce gli eventi storici… ma forse hai ragione tu e’ ambizioso perché ancora non e’ così e spero che lo sia sempre di più in tutte le scuole!
    Grazie a te! Di cuore anxhe per il lavoro di editing sempre in linea con il nostro femminismo!
    Chiara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivi questo articolo

Tabella dei Contenuti

Seguici su Facebook

Articoli più letti

Risfoglia
Blog

I rompiscatole di Armando Curcio Editore, edito da Risfoglia: superpoteri e coraggio

di Marica Servolini I rompiscatole: eroi inaspettati, adolescenti e tanta voglia di rivalsa   Chi è per te un eroe? Questa la domanda alla quale ...
Leggi →
Scelgo Curcio
News

Scelgo Curcio: ecco perché

Ecco una testimonianza degli studenti dell’Istituto Armando Curcio. Ci spiegano perché “Scelgo Curcio”. Non sapevo a cosa stavo andando incontro e nemmeno se il percorso ...
Leggi →
Blog

Le pubblicità creative della Lego

Le pubblicità creative della Lego La Lego è ormai un marchio storico, in continua espansione, che sviluppa ed incoraggia la creatività dei bambini, la stessa creatività che ...
Leggi →
Blog

Pixel, l’iPhone di Google

Pixel, l’iPhone di Google Questa frase raccoglie la reazione generale dell’utenza all’annuncio di Google del suo Google Pixel, i richiami al design ed allo stile Apple ...
Leggi →
News

Intervista a Franziska Freitag

Franziska si è dimostrata una delle migliore allieve del corso: dopo aver vinto il contest per realizzare le illustrazioni di Dina la gocciolina, ha concluso ...
Leggi →
News

La didattica digitale

Il quadro europeo delle competenze digitali, espresso nel Dig Comp 2.1, definisce e descrive i concetti di competenze digitali e cittadinanza digitale, proponendo quindi lo standard di riferimento in merito ...
Leggi →