CENTRO DI FORMAZIONE, RICERCA E SVILUPPO

Cosa dobbiamo a Hans Christian Andersen

Il 2 aprile 1805 nasceva Hans Christian Andersen, famoso autore delle fiabe che hanno accompagnato generazioni di piccoli lettori.

A differenza di altri autori che raccoglievano storie popolari per poi riadattarle (si pensi all’opera dei fratelli Grimm, per esempio), Hans Christian Andersen creava i suoi racconti da zero, basandosi, molto spesso, sulle difficoltà che egli stesso dovette affrontare nella vita, specie durante la sua infanzia.

Il brutto anatroccolo, ad esempio, racconta di come superò la discriminazione e il bullismo di cui era vittima per via delle sue umili origini, mentre La piccola fiammiferaia si rifà alle condizioni che, egli stesso, si trovò ad affrontare. Andersen, infatti, proveniva da una famigia molto umile (sua madre era una lavandaia e suo papà un calzolaio) e così povera da dover vivere, per un periodo piuttosto lungo, chiedendo l’elemosina.

Nonostante sia conosciuto esclusivamente –o quasi- per le sue fiabe, è interessante sapere che Hans Christian Andersen aspirava, in realtà, ad ottenere la fama di romanziere e drammaturgo. Ma i suoi testi, sia in poesia che in prosa, non ebbero mai la risonanza delle sue, invece, popolarissime fiabe e anzi, molti dei suoi contemporanei lo consideravano uno scrittore mediocre e fallito.

La sua infanzia piena di carenze di ogni tipo ha conferito una patina spesso lugubre alle sue opere che, però, nel riadattamento per il pubblico dei giovani lettori e, soprattutto, nella successiva trasposizione cinematografica di racconti quali La sirenetta, è venuta meno, lasciando spazio ad un messaggio positivo e di speranza nel riscatto personale

Il riscatto, per Andersen, c’è sicuramente stato. Le fiabe del poeta e scrittore danese, oggi, sono conosciute in tutto il mondo e tradotte in più di 80 lingue. Inoltre, in suo onore, è stata istituita, a partire dal 1967, una ricorrenza che, da allora, viene celebrata ogni anno proprio il 2 aprile, giorno della sua nascita: la giornata internazionale del libro per bambini, nata per incoraggiare i più piccoli a scoprire il piacere della lettura e per valorizzare maggiormente la letteratura per l’infanzia, stimolando anche i più grandi ad avvicinarsi a questo mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su skype
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Tabella dei Contenuti

Seguici su Facebook

Articoli più letti

News

Più di cent’anni di talento: ricordiamo Rita Levi Montalcini

Cresciuta in un contesto socio-storico caratterizzato dalla prevaricazione maschile, nonostante le resistenze del padre, la giovane Rita frequentò la facoltà di Medicina all’Istituto di Anatomia Umana …

Leggi →
News

Valerio Todini, lo studente amato da tutti

Docenti, studenti e tutto lo staff dell’Istituto Armando Curcio esprimono il proprio cordoglio alla famiglia Todini.

Leggi →
STORYTELLER E STORYTELLING
News

LO STORYTELLER: DALLE ESIGENZE ALLE EMOZIONI

Raccontare storie è il modo che l’essere umano ha di comunicare, narrare se stesso al mondo, stabilire un contatto sociale: è ciò che lo rende …

Leggi →
News

Copyright: approvata la riforma

Le nuove norme UE sul copyright, che includono salvaguardie alla libertà di espressione, consentiranno a creatori di contenuti, giornalisti ed editori di negoziare con i …

Leggi →
News

Intervista a Davide Cipollin

Ciao Davide, prima di parlare de “La parolaccia”, parlaci un po’ di te. Quali sono le tue più grandi passioni? Ho sempre avuto una grande …

Leggi →
News

L’intervista a Michele Cucuzza su “Fuori dalle bolle”

Michele è al servizio della comunicazione nazionale e internazionale dalla fine degli anni ’70, ma solo nel 2006 pubblica il suo primo libro e inizia …

Leggi →