Il Decalogo dell’illustratore

Il Decalogo dell’illustratore

Chiunque si affacci a questa professione, bene o male, conosce quali sono i suoi “doveri”, sa quindi quali obiettivi porsi e come conseguirli.
In pochi sanno, però, quali sono gli aspetti fondamentali che un illustratore dovrebbe sempre tener presente per realizzare al meglio i suoi progetti…

Gli illustratori, pur facendo parte di una categoria molto ampia e trovandosi a collaborare con case editrici e scrittori, sono, in sostanza, dei lavoratori piuttosto autonomi.
Data questa indipendenza, viene da chiedersi, quindi, se esistono dei “fondamenti” che regolano questa professione, dei pilastri da tener ben presenti sempre, specie in quei momenti in cui non si sa proprio in che direzione procedere, o quando ci si trova a riflettere sul proprio operato dopo aver ricevuto dei secchi “no”.
Esistono dei “comandamenti” che ogni illustratore dovrebbe seguire per svolgere al meglio la sua professione?
Proviamo a rispondere a questa domanda fornendo i nostri consigli per chiunque voglia intraprendere questa strada.

Un buon illustratore:

1) Deve essere caratterizzato, sicuramente, da una profonda sensibilità;

2) Deve possedere delle eccellenti capacità comunicative;

3) Deve saper trovare la giusta sinergia tra testo e illustrazione;

4) Deve essere in grado di trasmettere a colpo d’occhio una gamma infinita di sensazioni, pensieri ed emozioni, riuscendo a condensare tutto ciò che vuole esprimere in un efficacie linguaggio iconografico;

5) Deve sapersi mettere costantemente in discussione;

6) Deve essere consapevole delle sue capacità, ma avere la giusta dose di umiltà per riconoscere i suoi limiti;

7) Non deve sottovalutare lo scopo didattico-pedagogico della sua attività;

8) Deve essere in grado di autocorreggersi;

9) Deve possedere una chiara visione del panorama editoriale attuale;

10) Deve saper essere critico prima  verso sè stesso e poi –soltanto in maniera oggettiva e il più costruttiva possibile- verso gli altri.

Ma la cosa più determinante, a parte questi piccoli consigli che possono essere considerati sicuramente dei “capi saldi”, è che, semplicemente, un buon illustratore deve farsi trasportare dalla passione, dal sentimento e dalla creatività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivi questo articolo

Tabella dei Contenuti

Seguici su Facebook

Articoli più letti

Blog

Tempo di esami per i ragazzi del corso di Grafica

Tempo di esami per i ragazzi del corso di Grafica Un piccolo resoconto degli esami che, questa mattina, si sono svolti per i ragazzi della …

Leggi →
News

Tecnologia ed editoria: i libri elettronici

Più che leggere meno, si leggere in modi diversi: sono molte le librerie che hanno dovuto chiudere i battenti, anche a causa della proliferazione di …

Leggi →
Blog

Intervista a Lorenzo Santinelli

Intervista a Lorenzo Santinelli Abbiamo incontrato per voi Lorenzo Santinelli che, dopo essersi formato usufruendo proprio di una borsa di studio erogata dalla Armando Curcio, si è …

Leggi →
Blog

L’Helvetica e lo “stile svizzero”

L’Helvetica e lo “stile svizzero” Che ne siate consapevoli o no, tutti voi conoscete benissimo il carattere tipografico Helvetica. Tanti dei marchi più conosciuti utilizzano …

Leggi →
News

Intervista a Fabio Di Cocco

1) Come si è sviluppata e da quali esigenze è nata l’idea che ha dato vita a questo racconto? Questo racconto nasce dall’esigenza di continuare …

Leggi →
Blog

Un packaging rivoluzionario per l’acqua

Un packaging rivoluzionario per l’acqua Il grande problema del trasporto dell’acqua potrebbe venir risolto con l’utilizzo delle Ooho. Cosa sono? Ora ve lo spieghiamo.

Leggi →