Il Decalogo dell’illustratore

Il Decalogo dell’illustratore

Chiunque si affacci a questa professione, bene o male, conosce quali sono i suoi “doveri”, sa quindi quali obiettivi porsi e come conseguirli.
In pochi sanno, però, quali sono gli aspetti fondamentali che un illustratore dovrebbe sempre tener presente per realizzare al meglio i suoi progetti…

Gli illustratori, pur facendo parte di una categoria molto ampia e trovandosi a collaborare con case editrici e scrittori, sono, in sostanza, dei lavoratori piuttosto autonomi.
Data questa indipendenza, viene da chiedersi, quindi, se esistono dei “fondamenti” che regolano questa professione, dei pilastri da tener ben presenti sempre, specie in quei momenti in cui non si sa proprio in che direzione procedere, o quando ci si trova a riflettere sul proprio operato dopo aver ricevuto dei secchi “no”.
Esistono dei “comandamenti” che ogni illustratore dovrebbe seguire per svolgere al meglio la sua professione?
Proviamo a rispondere a questa domanda fornendo i nostri consigli per chiunque voglia intraprendere questa strada.

Un buon illustratore:

1) Deve essere caratterizzato, sicuramente, da una profonda sensibilità;

2) Deve possedere delle eccellenti capacità comunicative;

3) Deve saper trovare la giusta sinergia tra testo e illustrazione;

4) Deve essere in grado di trasmettere a colpo d’occhio una gamma infinita di sensazioni, pensieri ed emozioni, riuscendo a condensare tutto ciò che vuole esprimere in un efficacie linguaggio iconografico;

5) Deve sapersi mettere costantemente in discussione;

6) Deve essere consapevole delle sue capacità, ma avere la giusta dose di umiltà per riconoscere i suoi limiti;

7) Non deve sottovalutare lo scopo didattico-pedagogico della sua attività;

8) Deve essere in grado di autocorreggersi;

9) Deve possedere una chiara visione del panorama editoriale attuale;

10) Deve saper essere critico prima  verso sè stesso e poi –soltanto in maniera oggettiva e il più costruttiva possibile- verso gli altri.

Ma la cosa più determinante, a parte questi piccoli consigli che possono essere considerati sicuramente dei “capi saldi”, è che, semplicemente, un buon illustratore deve farsi trasportare dalla passione, dal sentimento e dalla creatività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivi questo articolo

Tabella dei Contenuti

Seguici su Facebook

Articoli più letti

Blog

I loghi più creativi

I loghi più creativi Realizzare ottimamente un logo richiede tanto lavoro ed una ricerca costante tra le tendenze del mondo del design.
Leggi →
1200px helveticaspecimench.svg
Blog

Da Helvetica a Helvetica Now

Quasi un’anno e mezzo fa la Monotype, società che si occupa di design in ambito tipografico, in particolare della creazione dei caratteri di stampa, protagonista ...
Leggi →
Blog

Illustratore: un mestiere senza età

Illustratore: un mestiere senza età Quella di Sofia può sembrare una delle tante storie di ‘cambio vita’ in cui la donna si sente obbligata a ...
Leggi →
News

Robinson Crusoe compie 300 anni: simbolo della narrativa internazionale per ragazzi

Il celebre romanzo Le avventure di Robinson Crusoe di Daniel Defoe, scrittore e giornalista britannico fondatore del romanzo inglese, fu pubblicato per la prima volta nella primavera ...
Leggi →
News

Orientamento a distanza e borse di studio per tutti

Orientamenti online per il Corso di Laurea Triennale «Mediazione Linguistica in Editoria e Marketing». Borse di studio garantite per tutti senza limiti di reddito.
Leggi →
News

OPEN DAY 2019 all’Istituto Armando Curcio

Laurearsi in azienda? Oggi si può. Lo slogan scelto per promuovere il calendario di incontri ed eventi riflette la caratteristica peculiare dell’offerta formativa dell’Istituto: la possibilità di ...
Leggi →
Istituto Armando Curcio