«La storia di un’idea», la storia di Armando Curcio

Durante il periodo fascista, impiegando l’eredità del padre Alfredo, creò l’Istituto Editoriale Moderno. La divulgazione di «Grandi Opere» fu una piccola iniziativa editoriale che rese l’intuizione del giovane Curcio una vera casa editrice: ampliò e diversificò l’offerta editoriale dall’edicola alla libreria, trovando l’apprezzamento del pubblico e delle istituzioni.

La storia della casa editrice, che ancora oggi porta il suo nome, è la storia di un’idea e le idee dell’editore erano piuttosto chiare: portare direttamente nelle case dei clienti opere di alto valore, rendendole accessibili a tutti.

C’era una volta, in una modesta piccola stanza, un modesto piccolo uomo.
Quest’uomo ebbe un’idea: creare una serie
di opere dedicate alla divulgazione della cultura.
Alla base di questo ambizioso progetto c’era il rispetto e l’amore per la gente,
l’intendimento di portargli opere diligentemente informate,
in vesti editoriali nitide, curate e signorili, ma accessibili a tutti.
C’era il desiderio di far crescere il nostro Paese allo stesso livello di Germania, Francia, Inghilterra e America.
Ora, per realizzare quel sogno, occorrevano grandi capitali.
E il piccolo uomo non aveva che il suo cervello, le sue braccia,
e una grande volontà.
«Quando il seme è buono», egli pensava,
«E quando la terra è feconda, i badili, gli aratri, l’acqua, i concimi e le braccia si trovano.
E il sole c’è, e la natura compie da sola i suoi straordinari miracoli».
E il piccolo uomo gettò quel seme.
Il suo cuore tremava, ma la sua mano era ferma.
L’humus era fecondo, perché l’Italia ha così alte tradizioni di cultura e di civiltà,
che i primi sbocci furono incredibilmente rapidi e felici.
Il campo editoriale fu posto presto a rumore.
Il piccolo uomo fu imitato ed osteggiato.
Gli diedero dell’impertinente e dell’iconoclasta,
e camminarono nel solco da lui segnato.
Ora, i germogli erano sempre più vivi. Intorno a quel seme si moltiplicavano,
miracolosamente, le vanghe, i materiali fertilizzanti e gli uomini di buona volontà.
Ai vecchi strumenti si sostituivano le moderne trattrici, alle capanne le case ordinate e civili.
I teneri arboscelli s’irrobustivano e diventano querce.
Così, da un piccolo seme è nata una grande fattoria, laboriosa e produttiva.
Così, da una piccola idea è nata una grande organizzazione al servizio della cultura.

Armando Curcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivi questo articolo

Tabella dei Contenuti

Seguici su Facebook

Articoli più letti

Blog

I nostri allievi alla 55° edizione di “Bologna Children’s Book Fair”

I nostri allievi alla 55° edizione di “Bologna Children’s Book Fair” I nostri ex-allievi Alessio Villotti e Benedetta Bartolini (del corso di grafica editoriale), Francesca …

Leggi →
Blog

ARF! Il festival del fumetto a Roma

ARF! Il festival del fumetto a Roma Gli splendidi spazi del Mattatoio a Testaccio (ex MACRO Testaccio) quest’anno ospiteranno, dal 25 al 27 maggio, la …

Leggi →
News

Un autore al passo con i tempi: il Transmediastoryteller

Il transmediastoryteller è, innanzitutto, una figura autoriale al passo coi tempi e rappresenta un’evoluzione delle modalità narrative supportate dagli strumenti digitali. Egli inventa e sviluppa molteplici forme narrative …

Leggi →
Corsi

Corso di impaginazione editoriale

CORSO DI IMPAGINAZIONE EDITORIALE Obiettivi Il corso si propone di avvicinare il candidato alla realizzazione di impaginati editoriali tramite lo studio del progetto, lo sviluppo …

Leggi →
Blog

Strumenti essenziali per un Graphic Designer

Strumenti essenziali per un Graphic Designer Quali sono gli strumenti essenziali per un grafico? Ogni mestiere ha i propri attrezzi, alcuni sono scelte esclusivamente personali, ma …

Leggi →
News

Ann Goldstein: la voce americana di Elena Ferrante

A lungo redattrice di una tra le più prestigiose riviste letterarie al mondo, il New Yorker, Ann Goldstein è la traduttrice americana della fortunata tetralogia …

Leggi →