Il passero e il fuoco d’artificio: rappresentare l’amicizia

passero,passero e fuoco d'artificio

Leggiamo in quest’intervista all’illustratrice Stella Pianelli qualcosa di più su “Il passero e il fuoco d’artificio”, di Giancarla Dapporto.

Che cosa hai pensato dopo aver letto la storia? E come hai immaginato le figure che avrebbero dovuto prendere corpo per raccontare questo progetto?
La storia mi è piaciuta moltissimo già dopo la prima lettura. Ho capito che avevo tra le mani un testo ricco di cose da raccontare, oltre, ovviamente, la storia dei due protagonisti.
Ho avuto subito chiare le ambientazioni in cui inserire i personaggi; il fatto che il racconto si svolgesse nel giorno dell’Epifania, quindi durante le feste natalizie, ha evocato nel mio immaginario ambienti, suoni, odori, colori che spero di essere riuscita a trasmettere nelle illustrazioni.
Per i due personaggi principali ho cercato di dare al passerotto un’aria vispa, intelligente e ironica, facendogli assumere delle pose e degli atteggiamenti che facessero anche ridere il lettore: il testo è molto spesso ironico e fa sorridere soprattutto nei dialoghi dei due personaggi.
Per il Fuoco d’artificio ho riflettuto molto se rappresentarlo antropomorficamente o no. Alla fine ho optato per un aspetto realistico, quello di un piccolo razzo, lavorando molto sulle forme e sul movimento ho cercato di ricreare la sensazione che fosse vivo, che parlasse e che si muovesse.
Quale tecnica hai scelto di usare? E perché?
Ho scelto di usare la tecnica dell’acquarello perchè volevo creare delle texture leggere e particolari soprattutto per i due personaggi principali e giocare molto sulle trasparenze del cielo notturno non appesantendo l’immagine.
I due personaggi sono inseriti in una cittadina innevata e il gioco di colori con il bianco della neve e le trasparenze dell’acquerello danno, a mio parere, una sensazione di sofficità e di leggerezza a tutta la tavola.
Qual è secondo te, anche tramite l’illustrazione, il messaggio più importante che questo libro può lasciare a un giovane lettore?
Ci sono tanti messaggi importanti in questo libro per un giovane d’oggi. Cercherò di essere concisa perché ci sarebbe da dire molto a riguardo.
Senz’altro è un racconto che ci parla di amicizia, ma non solo, è un racconto che ci parla di solidarietà.
Il passerotto non solo instaura un rapporto di amicizia con il fuoco d’artificio, ma lo aiuta nelle sue difficoltà; non a caso questi lo battezza con il nome di “aiutante”.
Inoltre è un racconto che parla di diversità e di come queste non debbano allontanare ma avvicinare!
Il passero incontra questo “essere” così diverso da lui e dal suo mondo e se ne incuriosisce, vuole conoscerlo e alla fine tra i due nasce una tenera e sincera amicizia dove entrambi danno qualcosa l’uno all’altro
L’illustrazione con la quale più mi sono avvicinata a questo messaggio è proprio quella in cui il passero scorge per la prima volta il fuoco d’artificio e gli si avvicina, non si spaventa delle diversità della forma e dei colori, così contrastanti, ma spalanca gli occhioni e lo guarda con fare curioso e meravigliato.

passero e fuoco d'artificio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivi questo articolo

Tabella dei Contenuti

Seguici su Facebook

Articoli più letti

Blog

Intervista a Lorenzo Santinelli

Intervista a Lorenzo Santinelli Abbiamo incontrato per voi Lorenzo Santinelli che, dopo essersi formato usufruendo proprio di una borsa di studio erogata dalla Armando Curcio, si è …

Leggi →
Blog

Il nuovo brand della Juventus

Il nuovo brand della Juventus Le società calcistiche sono diventate vere e proprie aziende ed il loro rebranding è diventato un processo molto delicato.

Leggi →
News

L’importanza di conoscere le lingue: il traduttore nell’editoria

La conoscenza della lingua italiana e della lingua dalla quale si traduce sono fondamentali: il traduttore non lavora meccanicamente su un libro ma ne studia …

Leggi →
News

Intervista a Ferdinando Albertazzi

Laureato in fisica, ha pubblicato una serie di storie per bambini. La nostra redazione ha intervistato Ferdinando Albertazzi, autore di “Dina la gocciolina”. 1) Come …

Leggi →
News

70 anni fa le prime elezioni liberate

Il 18 aprile 1948, appunto settant’anni fa, il popolo italiano fu chiamato alle urne: per la prima volta dopo il Referendum del 2 giugno, che …

Leggi →
Quel folle di Ariosto
Blog

Che tosto, Ariosto!

Che tosto, Ariosto! Una lettura originale Quel folle di Ariosto è un tipo di libro speciale. È proprio quel genere di lettura che cattura l’attenzione …

Leggi →