LO STORYTELLER: DALLE ESIGENZE ALLE EMOZIONI

STORYTELLER E STORYTELLING

Raccontare storie è il modo che l’essere umano ha di comunicare, narrare se stesso al mondo, stabilire un contatto sociale: è ciò che lo rende un animale sociale.

Siamo tutti storyteller dunque? Non è così semplice.

Storytelling: comunicare attraverso il racconto

Lo storytelling non è semplicemente l’attività del raccontare storie ma, nello specifico, consiste nel comunicare attraverso il racconto qualcosa che sia reale.

Lo storytelling non è una storia di finzione ma è legato alla realtà, con lo scopo di dare senso al reale, nutrire la mente, connettere le esperienze e generare appartenenza.

Il valore dello Storyteller

Per realizzare una buona comunicazione c’è bisogno di una figura professionale, lo Storyteller, ossia colui che dona senso al reale facendo leva sui sentimenti inconsci.

Il bravo Storyteller coinvolge ed emoziona, trasformando la chiamata all’avventura in azione stessa, comunicando esperienze che vale la pena vivere.

Nelle campagne di marketing lo Storyteller ha un ruolo fondamentale perché fa in modo che il marchio di un’azienda venga compreso, riconosciuto e infine ricordato: è così che il cliente si trasforma in partecipante attivo e si genera il senso di appartenenza, producendo legami ad alta intensità emotiva.

Lo Storyteller riesce a creare progetti di lungo termine, a comunicare un valore e a generare condivisione. Si tratta di una figura che deve possedere conoscenze molto ampie in diversi ambiti: politica, psicologia, linguistica, economia, management.

Fornisce gli strumenti giusti per leggere la realtà, lavorare sull’identità, espandere le relazioni e creare valori condivisibili. Insomma, costruisce uno storytelling in grado non solo di creare un contesto, ma anche di raccontarlo e comunicarlo affinché venga compreso da tutti.

Le figure professionali dello storytelling

Per creare una campagna di storytelling sono necessarie varie figure professionali: lo Story strategist, il Content storyteller, il Visual storyteller e il Media narrative designer. Si tratta di professioni differenti accomunate da un unico scopo: trasformare le esigenze del cliente in emozioni e generare senso di appartenenza.

Giulia Casilli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su skype
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Tabella dei Contenuti

Seguici su Facebook

Articoli più letti

News

Eterotopia del corpo-libro

Si parla tanto – e spesso senza via di scampo – della più o meno presunta pervasività dell’editoria elettronica. Si parla di libri, di fantasticherie, di utopie …

Leggi →
News

Inaugurazione dell’anno accademico

Polistena, 20 novembre 2018. In seguito all’apertura della sede distaccata dell’Istituto Armando Curcio,  presso l’ITIS «Milano» di Polistena, martedì alle ore 9.00 ci sarà l’inaugurazione dell’anno accademico …

Leggi →
News

Ali per volare nel Maggio dei Libri

«Alice cominciava a sentirsi assai stanca di sedere sul poggetto accanto a sua sorella, senza far niente: aveva una o due volte data un’occhiata al libro …

Leggi →
scrivere per il web copywriter
News

Scrivere per il web: il copywriter

Il copywriter e l’arte di scrivere per persuadere (anche sul web) La società dell’informazione è il modo in cui i sociologi definiscono la società post-industriale come luogo dei media …

Leggi →
News

L’intervista a Michele Cucuzza su “Fuori dalle bolle”

Michele è al servizio della comunicazione nazionale e internazionale dalla fine degli anni ’70, ma solo nel 2006 pubblica il suo primo libro e inizia il …

Leggi →
News

Calvino-Einaudi

Italo Calvino, lo scoiattolo della penna1, è assunto dalla casa editrice Einaudi nel 1950. Egli instaura rapporti professionali e relazioni amicali con personalità importanti: Cesare Pavese, …

Leggi →